September 13, 2013

KAZAKY interview for TCH.ua


A new video inteview for our amazing four dancers KAZAKY made on 11 September 2013.
Watch here the full version:

Una nuova video intervista ai nostri meravigliosi quattro ballerini KAZAKY fatta l'11 Settembre 2013.
Potete guardare qui l'intera versione:


And here a shorter version, but with some images from the backstage ;)

E qui una versione più breve, ma con alcune immagini dal backstage ;)



Here you are the translation in English.
IMPORTANT: Thanks to Laura (World Loves Kazaky) for helping us with the translation. She wrote all the interview in Ukrainian and translated in English with Google Translate. We did our best to try to correct it, make it better, but there could be some understanding mistakes. Anyway, we hope you enjoy it!

Eccovi la traduzione in italiano.
IMPORTANTE: Grazie a Laura (World Loves Kazaky) per l'aiuto con la traduzione. Lei ha trascritto tutta l'intervista in ucraino e poi tradotta in inglese con Google Translate. Noi abbiamo fatto del nostro meglio per provare a correggerla, renderla leggibile, ma ci potrebbero essere alcuni errori di comprensione. In ogni caso, speriamo sia di vostro gradimento! Buona lettura!


English:
◊ Kazaky, the group known all around the world, talked to Natasha Pesney about everything important in their carrier: experiments with heels, experience with Dsquared2 and the Madonna, tattoos, books and alcohol.
Conversation turned out to be so interesting and long that it is possible to look at the full version only at TCH.ua.

◊ To be honest, I thought that you would have come, if not on high heels, with a change of shoes.
It is a scenic image, we wear them only on stage, in the real life we wear the kind of clothes you see on us now.

◊ Everything began as a joke?
A girlfriend with a big shoe size came to visit us with high heels on and we tried them for fun . Time after time we found different plasticity on high heels. At first I was tired very quickly and I fell all over the studio. It’s hard to dance and do all the tricks on high heels, but  with a lot of exercises we made it. They’re necessary for making your muscles ready for those moments: you stand on a stage and it’s dark, a lot of hands, people, noise, the light on your eyes, and you realize you have a body and it’s necessary to block every movement, your body. By the way, I remember now that we went to a shop, with Stas, to buy the first pair of heels. The shop assistant, a woman, thought that we wanted to buy a gift for our mother or sister or girlfriend, but when we tried them on she was a little bit shocked.

◊ What’s your shoe size?
Me and Kirill the 40 so me and him can change our shoes, and Stas and Artur the 41.

◊ Where do you buy your high heels?
Our heels are just made for us. Honestly, we wouldn’t drive to Milan or Paris, we remain here in Kiev. The usual shoes, like Louis Vuitton or any high fashion brand, wouldn’t be suitable for us.
The shoes become individual, personalized, therefore we have to order them. So we already have found the perfect shape that suits.

◊ How is the heel?
It’s thin and it’s 14 centimeters. It’s a shock for people, you can’t explain to everyone that you’re not buying high heels for yourself, but just to go on stage, to perform. Well, it’s ok, let people think what they want.

◊ You’re often accused of gay promotion.
You know, it’s very sad and there’s nothing to say more. On everything there will be the buyer who wants to the good on it, but there will also be who wants to see the bad on it. We have different targets, our audience is various: from the youngest girl to the adult men and it depends only on their knowledge and, I don’t know, the education they received. Often people have difficulties to admit that something is pleasant for them, for example a good music, a really good dance. They're afraid to say that they like guys dancing on heels. I don’t know what to think. There are people who don’t hesitate to like us and it’s a pleasure. But I don’t know why they link us to transsexuals, somehow connected with gays because heels are just for females. Guys can’t wear heels, why? Boys can do anything[…].

◊ And how everything began?
We know each other for years.
Kirill: Me and Stas have a long friendship, since 2007, we once studied together.
We were on friendly terms with Artur, who was dancing at the opera theater in that period. He was the soloist. We we’re planning the whole thing and I said: “Artur, you need to make a decision”.
Artur: I made a decision. I was on holiday and I left for New York, I lived there for a month, taking master classes. I thought that it would have been cool to make something together and while I was in America I realized that if I didn’t take this opportunity in that moment, it wouldn’t happened again and I would regret. I remember the day when I came back and I left the theater, everyone was so surprised and asked me where I was going. I told them that I knew where I was going. Then I went to the boys and told them: “Guys, I left the theater”. They’re were shocked and they didn’t expect that, but my decision wasn’t reckless. They told me: Art, now we have six months to get ready and then we will go on tour for three months. We will make this project together but we don’t know what is going to happen.

◊ How much time in a day you spend for rehearsals?
3-4 hours, sometimes more if there are special projects, performances. Recently we performed at the World Rhythmic Gymnastics Championships (click HERE to watch the performance), which took place in Kiev. We performed at the opening ceremony with a new piece, we rehearsed for some days. Probably, this was the great prize for us, to be noticed by such talented people, like it happened with Dsquared and Madonna.

◊ Tell us how it was, how they contacted you.
The performance for Dsquared was in the longest stage we’ve ever been, it was 100 metres.
We did the soundcheck of course which helps a lot but when we performed we had a lot of people sat at the fashion show and we had the adrenaline which gives you double forces. During the performance Oleg and Artur did a flip, on heels. They welcomed us with open arms and we were surprised to see how they accept us with pleasure and so easily. We had dinner together, we took a walk, we worked and became friends. We found out that when we arrived they already gave us nicknames: if I don’t make mistakes, Kirill was ‘Skinny’, Stas was ‘Baby face’, Artur ‘Perfection’ and me (Oleg) ‘Duck’ (card, celeb).

◊ In the video of Dsquared we can see there was a lot of champagne.
Yes, there was champagne all the time.

◊ And you drunk it too.
Certainly, we didn’t drink all the time, but there was champagne everywhere. We drunk it before the performance.
Artur: I love so much a very good champagne., a good wine.
Stas: I try to not to drink.
Oleg: I don’t love so much champagne. Not that I try to follow healty life, but I don’t like to drink when we go around for working. I drink light drinks: like the one with Malibu with apple juice, it’s tasty, or whisky, cognac […].
Artur: I can drink a shot of vodka before dinner.
Oleg: Or before the performance!
Artur: Especially when I go home in Armenia, when my mum cooks a lot of tasty food and she always offers me some vodka. I prefer healthy food, naturally, not fast foods. I mean, like fresh meat, a good salad, everything that is tasty.
Kirill: Me too, but I don’t have such a selective diet. Since I am ‘Skinny’ I try to eat 3/4 times a day.
Oleg: Actually it’s difficult to follow a precise diet if you constantly fly, if you’re always on the road. In Cina for example it’s full of fast foods, but at least you understand what you’re eating. Chinese people are mad, but first of all Asian fans are not ‘standard’. They had a very small stage and all around it a crowd of people with their iPads in their hands.

◊ According to you, the name KAZAKY has no relation with Ukraine, but it’s connected to Japan. Is there any relation with Kabuki (it’s a type of theater born in Japan)?
In Ukraine our name recall the native Cossacks, but in Japan our name means ‘the wind flies’. We liked this wordplay so much. In any case we don’t want to recall or compare ourselves to the Ukrainian Cossacks, we have nothing to do with them.

◊ You had a memorable moment in your career with Madonna.
It was such a big surprise. We were on tour in the East and our managers told us about it, after 9 hours flight, we didn’t realize it. But you know, after that, everything happens very quickly. The work was done in 15/20 days.

◊ How is working with Madonna? How is she? Is it cool, exciting, hard?
She’s unstoppable, after shooting 30 scenes, she realized that she didn’t like it and she did it again.

◊ Oleg, how many tattoos do you have?
They’re still new, you can see almost all of them. There’s one on my leg and on my back. I’ve done them in this 2 years, from the moment KAZAKY has begun.  I didn’t have any tattoo when we started this project and I drawn all my tattoos.
Kirill: I have tattoos too. I like English and I watch movies in English, but I like French more, it’s more melodious.

◊ You speak French?
Kirill: No, I wish! I really would like to learn to play the piano and French. So I have two tattooa in French ‘L’Enfant du monde’, which means ‘The child of the world’ and on my neck it’s written ‘In Movement’.
Stas: I don’t have tattoos.
Artur: Me neither. We have clean bodies.

◊ Is some of you going to marry?
No, not yet. If so, the wife should come on tour with us because we have no time for her, we will absent almost all the time. It’s necessary to devote time to her, to all family.
 


Italiano:
I Kazaky, il gruppo conosciuto in tutto il mondo, ha parlato con Natasha Pesney riguardo a tutto ciò che concerne la loro carriera: gli esperimenti con i tacchi, l'esperienza con Dsquared e Madonna, tatuaggi, libri e alcol.
La chiacchierata si è rivelata così interessate e lunga che potete vederla intera solo su TCH.ua.

◊ Ad essere sincera, pensavo che, se non con i tacchi, sareste venuti con un cambio di scarpe. 
E' solo un'immagine scenica, li indossiamo solo sul palco. Nella vita di tutti i giorni indossiamo il genere di capi che ci vedi addosso ora.

◊ Tutto è iniziato per gioco?
Un'amica con un numero di piede grande è venuta a farci visita indossando i tacchi e li abbiamo provati per scherzo. Col passare del tempo, abbiamo scoperto una nuova plasticità sui tacchi. Inizialmente mi stancavo facilmente e cadevo di continuo in tutta la sala prove. E' difficile ballare e fare tutte le acrobazie sui tacchi alti, ma con molto esercizio ci siamo riusciti. E' necessario per preparare i muscoli a questi movimenti: sei sul palco, è buio, un sacco di mani, di persone, di rumore, i riflettori puntati addosso, e ti rendi conto che hai un peso, che è necessario bloccare i movimenti, il tuo corpo. A proposito, mi ricordo che io e Stas siamo andati in un negozio per comprare il primo paio di tacchi alti. La commessa pensava che li stessimo comprando per fare un regalo alla mamma, o alla sorella, o alla fidanzata, ma quando li abbiamo provati era un pò sotto shock.

◊ Qual è il vostro numero di scarpe?
Io e Kirill abbiamo il 40, così possiamo anche scambiarci le scarpe, e Stas e Artur il 41.

◊ Dove li comprate i vostri tacchi alti?
I nostri tacchi sono fatti appositamente per noi. Onestamente, non andremmo mai fino a Milano o Parigi, rimaniamo qui a Kiev. Le scarpe normali, come Louis Vuitton, o di qualsiasi altro brand di alta moda, non sarebbero adatti a noi. Le scarpe diventano individuali, personalizzate, quindi dobbiamo ordinarle. E abbiamo trovato la forma perfetta e adatta a noi.

◊ Com'è il tacco?
E' fino, ed è 14 centimetri. E' uno shock per le persone, ma non puoi spiegare a tutti che non stai comprando tacchi alti per te stesso, ma solo per esibirti su un palco. Ma ok, va bene, la gente può pensare ciò che vuole.

◊ Siete spesso accusati di essere a favore della propaganda gay.
Sai, è triste e non c'è molto da dire. Per ogni cosa ci sarà il pubblico che vuole vedere il buono nel prodotto, e ci sarà anche chi vorrà vedere il cattivo. Noi abbiamo target differenti, il nostro pubblico è molto vario: dalle ragazze giovani agli uomini adulti. Dipende tutto dalla conoscenza che hanno e, non so, forse dall'educazione che hanno ricevuto. Spesso la gente ha difficoltà ad ammettere che qualcosa gli piace, per esempio della buona musica, una danza. Hanno paura di dire che gli piace guardare dei ragazzi che ballano sui tacchi. Non so cosa pensare. Ci sono persone che non esitano nemmeno un pò a dire che gli piacciamo ed è un piacere per noi. Non capisco perchè ci collegano ai transessuali o ai gay, solo perchè i tacchi li portano le ragazze. I ragazzi non possono portare i tacchi, perchè? I ragazzi possono fare qualsiasi cosa.

◊ Come è iniziato il vostro progetto?
Ci conosciamo da anni.
Kirill: Io e Stas condividiamo una lunga amicizia, che risale al 2007 e abbiamo anche studiato insieme.
Oleg: Eravamo in amicizia con Artur, che in quel periodo ballava al teatro dell'opera a Kiev. Era il solista, il primo ballerino. Stavamo programmando il tutto e gli ho detto: "Artur, devi prendere una decisione." 
Artur: E l'ho presa. Ero in vacanza e sono partito per New York, dove ho vissuto per un mese, frequentando master class. Ho pensato che sarebbe stato bello fare qualcosa insieme e mentre ero in America mi sono reso conto che se non avessi colto l'occasione non avrei potuto più farlo e me ne sarei pentito. Mi ricordo il giorno in cui sono tornato a casa e ho lasciato il teatro, tutti erano sorpresi e mi chiedevano dove sarei andato. Gli ho risposto che sapevo dove stavo andando. Poi sono andato dai ragazzi e ho detto 'Ragazzi, ho lasciato il teatro.' Erano shockati, non se l'aspettavano, ma non era una decisione sconsiderata la mia. Mi hanno detto: "Art, abbiamo sei mesi per prepararci, poi andremo in tour per tre mesi. Noi faremo questo progetto insieme, ma non sappiamo cosa succederà.'

◊ Quanto tempo dedicate alle prove ogni giorno?
3/4 ore, a volte anche di più se c'è qualche progetto speciale o qualche performance. Recentemente ci siamo esibiti ai Mondiali di Ginnastica Ritmica (clicca QUI per vedere la performance), che hanno avuto luogo a Kiev. Ci siamo esibiti durante la cerimonia di apertura con un nuovo pezzo, e abbiamo provato per alcuni giorni. Probabilmente questo è stato il più bel regalo, essere notati da persone piene di talento, così come è successo con Dsquared e Madonna.

◊ Diteci come è stato, come vi hanno contattati.
La performance per Dsquared aveva il palco più lungo che avevamo mai visto, era 100 metri.
Ovviamente abbiamo fatto il soundcheck, che aiuta molto, ma quando ci siamo esibiti c'era tantissima gente alla sfilata e avevamo l'adrenalina che ci ha dato il doppio della forza.
Durante la performance, Artur e Oleg fanno anche la rovesciata con i tacchi. 
Ci hanno accolti a braccia aperte e ci siamo sorpresi per come ci abbiano accettati con grande piacere e così facilmente. Abbiamo cenato insieme, fatto una passeggiata, lavorato e siamo diventati amici. Abbiamo anche scoperto che quando siamo arrivati ci avevano già dato dei soprannomi: se non mi sbaglio Kirill era 'Skinny' (Magro), Stas era 'Baby Face' (Volto da bambino), Artur 'Perfection' (Perfezione) ed io (Oleg) 'Duck' (Personaggio).

◊ Nel video di Dsquared si vede che c'era molto champagne.
Sì, c'era champagne tutto il tempo.

◊ E l'avete bevuto anche voi.
Certamente, non abbiamo bevuto tutto il tempo, ma c'era champagne ovunque. L'abbiamo bevuto prima della performance.
Artur: Mi piace molto bere del buon champagne o del buon vino.
Stas: Cerco di non bere.
Oleg: Non mi piace molto lo champagne. Non che voglia sempre seguire una vita salutare, ma non mi piace bere quando giriamo per lavoro. Bevo drink leggeri: come quello con il Malibu e il succo di mela, è gustoso, o il whisky o il cognac [...].
Artur: Posso bere uno shot di vodka prima di cena.
Oleg: O prima di una performance!
Artur: Specialmente quando torno a casa in Armenia, quando mia mamma mi cucina tanto buon cibo e mi offre sempre della vodka. Perferisco il cibo sano, naturalmente, non i fast food. Intendo tipo carne fresca, una buona insalata, tutto ciò che è buono.
Kirill: Anche io, ma non seguo una dieta così selettiva. Visto che sono 'Skinny' cerco di mangiare 3/4 volte al giorno.
Oleg: Onestamente, è difficile seguire una dieta precisa, se sei costantemente in viaggio. In Cina ad esempio è pieno di fast food, ma almeno riesci a capire cosa stai mangiando. La gente cinese è pazzesca, ma i fan asiatici sono fuori dal termine 'standard'. Avevamo uno stage piccolissimo e tutt'intorno una folla di persone, e tutti avevano in mano un iPad.

◊ Secondo quanto dite, il nome KAZAKY non ha alcuna relazione con l'Ucraina, ma è collegato al Giappone. C'è qualche richiamo al Kabuki (una tipo di teatro nato in Giappone)?
In Ucraina il nostro nome richiama i Cosacchi, ma in Giappone significa 'il vento vola'. Ci piaceva moltissimo questo gioco di parole. In ogni caso noi non vogliamo richiamare o paragonarci ai Cosacchi ucraini, non abbiamo nulla a che vedere con loro.

◊ Avete avuto un'esperienza memorabile per la vostra carriera con Madonna.
E' stata una grande sorpresa. Eravamo in tour nell'Est, i nostri manager ci hanno informati, ma dopo 9 ore di volo credevamo di non aver capito bene. Ma sai, dopo ogni cosa è successa molto rapidamente. Tutto il lavoro è stato fatto in 15/20 giorni.

◊ Com'è lavorare con Madonna? Lei com'è? 
Non si ferma mai. Dopo aver registrato 30 scene, si è resa conto che il risultato non le piaceva e ha fatto tutto di nuovo.

◊ Oleg, quanti tatuaggi hai?
Sono ancora nuovi, riesci a vederli quasi tutti. Ce n'è poi uno sulla mia gamba e sulla schiena. Li ho fatti in questi 2 anni, da quando il progetto KAZAKY è iniziato. Infatti all'inizio non avevo alcun tatuaggio. Li ho disegnati io i miei tatuaggi.
Kirill: Anche io ho alcuni tatuaggi. Mi piace l'inglese, infatti guardo i film in inglese, ma preferisco il francese, è più melodico.

◊ Parli francese?
Kirill: No, ma mi piacerebbe! Vorrei tanto imparare a suonare il piano e la lingua francese. Quindi ho due tatuaggi in francese: 'L'Enfant du monde' che significa 'Il bambino del mondo' e sul collo c'è scritto 'In movimento'.
Stas: Non ho tatuaggi.
Artur: Nemmeno io. Abbiamo corpi puliti.

◊ Qualcuno di voi ha intenzione di sposarsi?
No, non ancora. Se così fosse, le mogli dovrebbero seguirci in tour perchè di tempo per stare con loro non ne avremmo, saremmo assenti per la maggior parte del tempo. Ed è necessario dedicare del tempo a lei e alla famiglia.


Source: tsn.ua  

           

0 commenti:

Copyright © 2012-2014 It's All About Kazaky